Luciano Darderi si è reso protagonista di una stagione scintillante a livello Juniores, nonostante le mille difficoltà dovute all’emergenza Covid-19. Il tennista italo-argentino, infatti, ha chiuso il 2020 alla decima posizione del ranking ITF Under 18 (unico italiano in Top-10, seguito da Cobolli al n.18) grazie ad una serie di risultati incredibili ottenuti prima dell’interruzione del circuito per il lockdown. Nel secondo semestre dell’anno, inoltre, si è ben disimpegnato nei tornei professionistici a cui ha partecipato.

Luciano Darderi e il “feeling” con i tornei U18

Da fine gennaio, il classe 2002 ha inanellato tre vittorie consecutive nel circuito giovanile. Partito dal G1 di Cuenca (Ecuador), ha proseguito la sua corsa inarrestabile anche nei G1 di Lambare (Paraguay) e Porto Alegre (Brasile) conquistando 900 degli attuali 1453.75 punti che si ritrova in classifica. Dopo diciotto successi di fila, il suo cammino si è interrotto nel quarto impegno della tournée sudamericana, il GA di Criciuma (Brasile), dove è stato battuto ai quarti dall’argentino Burruchaga.

Dopo il blocco di tutti i circuiti internazionali a causa dell’aumento di casi di Coronavirus, Darderi è tornato a disputare un torneo U18 ad inizio ottobre al Roland Garros. Il suo ultimo Major giovanile della carriera non gli ha però regalato grosse soddisfazioni, visto che è uscito al secondo turno per mano del transalpino Fils.

Il best ranking raggiunto a livello ATP

Nella seconda parte di stagione, Luciano Darderi ha disputato una serie di tornei Futures oltre al Challenger di Cordenons di fine agosto e le qualificazioni degli IBI a metà settembre. In Friuli ha ottenuto la prima vittoria a livello Challenger (battendo Hoang) mentre a Roma ha perso in tre set da Joao Sousa.

Il suo 2020 si è concluso con un trittico di tornei sulla terra battuta di Antalya (Turchia): il miglior risultato è il quarto di finale raggiunto nella prima settimana, battendo due giocatori ostici come il rumeno Cretu e l’uzbeko Fayziev. Grazie a questa “cavalcata”, Darderi ha scalato ulteriormente il ranking ATP portandosi alla posizione n.958 (miglior classifica della carriera). Nel 2021, Covid-19 permettendo, potrà riprendere la sua scalata con obiettivo Top-500…