Non ci sono più giocatori italiani in corsa per il titolo nei tornei internazionali giovanili di Grado 5 di Roskilde (Danimarca) e Sozopol (Bulgaria): nella prima manifestazione, Giovanni Vitali non è riuscito ad andare oltre il secondo turno; nel secondo evento, invece, Daniele AugentiLeonardo Kolbe hanno passato le qualificazioni nel singolare maschile mentre Julia Peer ha salutato all’esordio nel main draw femminile.

J5 Roskilde (Danimarca) – terra outdoor
Eliminazione al secondo turno sulla terra battuta danese per Giovanni Vitali. Il diciassettenne italiano, numero 1124 delle classifiche mondiali (best ranking), ha sconfitto al primo turno il ceco Horak per 6-3 6-4 ma è stato poi battuto dal giocatore di casa Egehus (n.1579 ITF) con lo score di 7-5 6-4. Impegnato in doppio al fianco di Alex Degabriele, l’azzurro ha raggiunto la semifinale nella specialità: a fermare il team italo-maltese è stata la coppia formata dai cechi HrdinaKratochvil (6-4 7-5).


J5 Sozopol (Bulgaria) – cemento outdoor
Dopo aver superato le qualificazioni, il diciassettenne Daniele Augenti (n.2041 ITF) ha piazzato il colpaccio al primo turno del tabellone principale estromettendo il bulgaro Draganov, n.1 del seeding nonché n.492 del mondo, con un doppio 6-2: agli ottavi, però, il giovane del TC Saluzzo ha perso al fotofinish, per 7-5 al terzo set, contro il ceco Vales (n.2286 ITF). Leonardo Kolbe, anch’egli reduce dalle “quali” disputate nel weekend, ha trovato la strada sbarrata al primo turno del main draw nel confronto con il bulgaro Simeonov, quinta testa di serie e n.1248 del mondo, che si è imposto per 6-4 6-4.

Nel singolare femminile non c’è stato nulla da fare all’esordio per la quindicenne Julia Peer, n.1549 ITF, battuta per 6-3 7-5 dalla padrona di casa Pencheva, accreditata della terza testa di serie e n.1075 delle classifiche Under 18.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.