Ancora una finale sul cemento di Harare (Zimbabwe) per Federico Cinà: il tennista siciliano firma il miglior risultato della settimana per i colori azzurri. Negli altri tornei, da segnalare i quarti di finale centrati da Federico BondioliHeiveld (Belgio) e il primo successo in un tabellone principale a livello Under 18 per Iannis MiletichSilla-Saladar (Spagna).

J4 Harare (Zimbabwe) – cemento outdoor
Seconda finale consecutiva
nella capitale dello Zimbabwe per il quattordicenne Federico Cinà. Il talentuoso tennista siciliano, classe 2007, ha confermato i grandi progressi mostrati la settimana scorsa, tornando nuovamente a giocarsi il titolo sui campi in cemento outdoor di Harare: accreditato della quinta testa di serie, l’azzurro si è preso la rivincita sull’indiano Dahiya in semifinale (1-6 7-6 6-3) dopo il ko di sette giorni fa ma nell’atto finale si è arreso al britannico Jansen (n.384 del ranking mondiale) con lo score di 7-5 6-4. Il palermitano, accompagnato in questa lunga trasferta dal coach Alberto Cammarata, entrerà per la prima volta in carriera tra i primi 400 giocatori del mondo: da oggi, inoltre, sarà in scena ancora ad Harare per un evento di Grado 3.


J4 Heiveld (Belgio) – carpet indoor
Il sedicenne Federico Bondioli, accreditato della prima testa di serie nonché n.328 ITF, è uscito ai quarti di finale per mano del padrone di casa Demanet (n.9 del tabellone) con il punteggio di 7-6(1) 6-4. La wild card Nicolò Consonni e il lucky loser Leonardo Tagliavini hanno perso al secondo ostacolo, mentre il qualificato Tommaso Iotti è stato battuto all’esordio: non hanno passato le qualificazioni, infine, Andrea LegnaniStefano Porotti.

Nel singolare femminile, semaforo rosso al secondo turno delle “quali” per Lucrezia Piana. La quattordicenne Emma Scaldalai, senza ranking ITF e ammessa nel main draw grazie ad una wild card, è stata eliminata al primo turno dalla svizzera Cembranos, terza testa di serie, con un doppio 6-1.

J4 Nairobi (Kenya) – terra outdoor
Si è interrotta al terzo turno l’avventura del sedicenne Matteo Covato, n.597 ITF, nel torneo disputato sulla terra battuta all’aperto a Nairobi: dopo aver beneficiato di un bye all’esordio, l’azzurro ha sconfitto per 6-1 6-4 l’egiziano El Sharkawy (n.2106 ITF) prima di cedere al giapponese Hattori (n.477 ITF e undicesima testa di serie) con il punteggio di 6-3 6-2.

J5 Blagnac (Francia) – terra indoor
Il diciassettenne Gianmaria Migliardi, unico italiano ai nastri di partenza del torneo di Blagnac, non è riuscito ad andare oltre il secondo turno: l’attuale n.2413 del ranking mondiale ha superato l’iberico Benito Fernandez (n.1355 ITF) per 6-3 7-5 nel match di primo turno, ma all’ostacolo successivo nulla ha potuto contro il transalpino Schmitter (n.6 del seeding e n.1115 ITF), che si è imposto per 6-4 6-2.

J5 Silla-Saladar (Spagna) – terra outdoor
All’esordio assoluto nel tabellone principale di un torneo Juniores, il sedicenne Iannis Miletich (senza ranking ITF) sfrutta al meglio la wild card concessa dagli organizzatori raggiungendo il secondo turno a Silla-Saladar: al primo round, l’azzurro ha superato in tre set il padrone di casa Hernandez Frias, settimo favorito del seeding e n.656 del mondo. A stoppare la corsa di Miletich è stato poi l’altro spagnolo Callejon Hernando (6-4 6-1). A livello femminile, Teresa Cinquino non è riuscita a superare le qualificazioni: per lei è arrivato un ko al secondo turno del tabellone cadetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.